BI1 - Ciclopista del Sole

Questo sito utilizza i cookies per il funzionamento. Cliccando su Ok ne consenti l'utilizzo

BI1 - Ciclopista del Sole

  • immagine
  • immagine

Informazioni pratiche

Percorso Dal Brennero a Santa Teresa di Gallura
Lunghezza 3000 km
Regioni attraversate Trrentino-Alto Adige, Veneto, Emilia-Romagna,Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna
Ciclovie di Qualità Ciclovia del Mincio, Il Sentiero della Bonifica,
Info Ciclopista del Sole, 2 volumi, di Claudio Pedroni (Ediciclo Editore)

 

 

 

E’ l'itinerario principe che in linea di massima deve collegare tutto il paese isole comprese, con la valenza evocativa di una grande greenway nazionale. E' parte di EuroVelo n° 7 itinerario da Capo Nord a Malta.

Dal Passo del Brennero si scende lungo la Val d' Isarco nel primo tratto sulla ciclabile recuperata dalla ex ferrovia del Brennero, toccando Vipiteno, Fortezza, Brixen, Chiusa, Bolzano. La prima parte fino a Bressanone/Brixen è abbastanza impegnativa per i frequenti saliscendi brevi ma a volte con pendenze significative. Dopo Brixen il percorso diventa decisamente più facile praticamente pianeggiante con i meleti da una parte e le acque cristalline dell’Isarco dall’altra. Viene qui proposta la prima di tante varianti potendosi raggiungere Bolzano da Vipiteno attraverso le rampe del passo di Monte Giovo quindi si raggiunge Merano sulla ciclabile della val Passiria, e Bolzano sulla ciclabile dell’Adige, Prima di Bolzano in località Ponte d’Adige si incontra un’altra variante che, utilizzando la sede ferroviaria dismessa, sale sull'altipiano di Caldaro per scendere in val d'Adige. Si passa in provincia di Trento percorrendo i tratti che per primi furono resi ciclabili dal Servizio Ripristino Ambientale della PAT Provincia Autonoma di Trento nella seconda metà degli anni ‘80. Ancora meleti, ma anche vigneti segnano il paesaggio agricolo a lato della ciclabile che qui corre su rilevato arginale a volte in fregio all’autostrada A22. Dopo Mezzocorona e San Michele si passa l’Avisio al ponte di Lavis sulla statale 12 quindi le pareti della Paganella preannunciano l’arrivo a Trento. Si prosegue per Rovereto non prima di una sosta al bicigrill di Nomi, quindi gli abitati di Ala, Avio e Borghetto al confine della provincia di Verona.

In provincia di Verona si scende la valle sulla provinciale 11 fino a Rivoli, (si prevede peraltro per il 2014 il completamento della ciclabile dell’Adige fino all’abitato di Rivoli) da dove si intraprende la leggera salita per scollinare passando poi nel bacino del Lago di Garda, transitando presso il bicigrill di Affi presso la ex stazione ferroviaria, passando dalle stradine dell’altipiano morenico che aggirano il monte Moscal arrivando a Peschiera del Garda entrando nella cittadina fortificata dove il Garda si fa Mincio.

Variante Verona

In alternativa al monte Moscal e al lago di Garda é descritta una interessante variante per visitare la città di Romeo e Giulietta. La variante Verona si prende a Rivoli lungo la ciclabile ricavata dalla sponda del canale Biffis, che porta fino alle porte di Verona. Si riprende l’itinerario principale sul Mincio a Monzambano passando dalla città scaligera attraverso San Massimo, Sommacampagna, Salionze.

Da Peschiera si scende lungo la ciclabile del Mincio e dei suoi canali fino al centro di Mantova, per entrare nella Padania più profonda. Si incontra prima la diga di Salionze, quindi gli abitati di Monzambano, Borghetto presso il ponte visconteo, Volta Mantovana entrando in Mantova sul suggestivo ponte ciclabile sul Lago Superiore dopo 45 km da Peschiera.

Ancora una decina di km in sede propria in uscita da Mantova verso sud fino a Bagnolo San Vito da dove si deve poi utilizzare viabilità minore fino all’abitato di Governolo in corrispondenza delle conche di navigazione che permettono la navigazione tra Mincio e Po. Il passaggio del Po rimane un piccolo problema poiché il ponte di San Benedetto non dispone di un adeguato marciapiede ciclabile e le bici sul ponte si devono conquistare uno spazio adeguato a fronte di un traffico significativo. Dopo il ponte, il percorso di sovrappone per un breve tratto alla ciclovia del Po ovvero ad EuroVelo n°8 fino alla abitato di San Benedetto Po. Da qui su viabilità minore si raggiunge l’argine ciclabile sinistro del fiume Secchia che per più di 40 km ci porta verso Sud passando dalla provincia di Mantova a quella di Modena.

Dal Secchia fino a Bologna il percorso è tutto su viabilità minore attraversando il cuore della pianura, salvo l’entrata nella città di Bologna che avviene decisamente in mezzo la traffico.

Variante Modena

Al ponte di Sozzigalli è possibile proseguire sull’argine Secchia, per una variante che porta a Vergato per riunirsi al percorso principale sul Reno e che attraversa la città di Modena il parco dei Sassi di Rocca Malatina e gli abitati di Zocca e Cereglio. Le ciclabili urbane di Modena, i 25 km della ex ferrovia Modena Vignola e il sentiero ciclabile fino al ponte del Panaro della località Casona, sono le principali risorse di questa variante.

L’uscita da Bologna si effettua invece su una ciclabile di una decina di km fino a oltre Casalecchio per poi utilizzare viabilità minore lungo la valle del Reno fino all’abitato di Riola. Questo è il tratto più problematico poiché non sempre ci sono a disposizione tratti a basso traffico e a volte questi tratti sono caratterizzati da forti salite. Le condizioni di questo tratto consigliano al ciclista non esperto l’utilizzo del servizio treno + bici sulla ferrovia Porettana che effettua trasporto bici, ad esempio nella tratta Casalecchio - Riola.

Da Riola si abbandona la valle del Reno per risalire il Limentra fino alla diga di Suviana per entrare poco dopo in territorio toscano. Dopo lo spartiacque al passo di Aquiputoli una ripida discesa ci porta in vista dell’abitato di Prato dove incontriamo di nuovo infrastrutture ciclabili lungo il fiume Bisenzio che attraversano tutto l’ambito urbano di Prato, proseguendo fino al confine con la provincia di Firenze. Un tratto un po’ tortuoso attraversa Campi Bisenzio fino alla stazione di San Donnino da dove si utilizza la ciclabile all’entrata in Firenze sfruttando il percorso sul fiume Arno che collega Signa con le Cascine.

Prosecuzione da Firenze: in attesa della realizzazione della ciclabile dell’Arno prevista dalle pianificazioni della Regione Toscana, attualmente si segue la strada che uscendo da Firenze da Bagno a Ripoli sale a San Donato in Collina e ridiscende a Incisa Val D’Arno. Si prosegue su strada bianca arginale fino a Matassino/Figline per poi salire s Castelfranco di Sopra, raggiungendo Arezzo lungo la bella strada panoramica detta dei Sette Ponti che scende a Ponte a Buriano di nuovo sull’Arno. Alle porte di Arezzo ci portiamo alla suggestiva Chiusa dei Monaci sul canale di Bonifica della val di Chiana che si percorre per oltre 60 km su strada bianca arginale fino a Chiusi. Ancora strade bianche per raggiungere prima Fabro Scalo poi Orvieto dovendo salire per le crete e arrivare passando per Allerona Scalo. Poco dopo Orvieto imbocchiamo il corridoio del Tevere che ci porterà a Roma. Dopo Roma si prende la direttrice della via Appia antica arrivando al mare al Lido di Latina, proseguendo costeggiando il Tirreno passando Sabaudia, in Circeo Terracina, Gaeta Minturno. La definizione del percorso praticabile dopo il ponte di Minturno è ancora molto approssimativa le informazioni si limitano alla sola individuazione del corridoio. La pianificazione della Regione Campania prevede la CPS prevalentemente sulla costa, mentre per la Regione Calabria si prevede il passaggio alla costa Ionica più aggredibile dal punto di vista del profilo costiero. In realtà la possibilità di penetrazione di una ciclovia importante in queste zone dipendono dal recupero delle parecchie decine di km dei tratti ferroviari Sicignano- Lagonegro - Castrovillari.

GPX e KML del percorso

Tags: Veneto, Trentino-Alto Adige, Toscana, Sicilia, Sardegna, Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Campania, Calabria, Basilicata, EuroVelo 7, Bicitalia 1 - Ciclopista del Sole